Buona Luna – Paolo Pallante – Teatro Manzoni RM

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lunedì 7 maggio, al Teatro Manzoni di Roma, il chitarrista e cantautore Paolo Pallante presenta il suo spettacolo“Buona Luna”. Un intenso viaggio a bordo di un treno fatto di canzoni, jazz, improvvisazione e racconti. Alla base del concerto/spettacolo del musicista romano c’è l’esperienza personale, usata come filtro e mezzo per guardare il mondo da un angolo diverso, perché la vita si può guardare da varie altezze e soprattutto da angoli diversi.

In fondo, racconta Paolo, “l’impresa artistica è proprio questo, l’esercizio stesso della vita, dell’equilibrismo per restar semplicemente in piedi e poter fare passi su un filo che altri non avrebbero neanche il coraggio di tendere”.

Paolo Pallante:
Farmacista, adora il jazz e suona la chitarra come fosse la cosa più naturale del mondo. Le parole hanno per lui un’importanza vitale e i suoi testi ne sono la conferma. Ha lavorato come chitarrista e/o cantante con Eric Daniel, Antonello Salis, Antonio Marangolo, Toni Armetta, Mike Applebaum, Alessandro Haber solo per citarne alcuni. Ha scritto e inciso musiche per programmi RAI. Ha inciso un disco con “Joe Giallo e tutto Swing” per la Headache records e un disco solista dal titolo “Da piccolo giocavo a bocce”, (Roadhouse/Egea) ottimamente recensito dalle più importanti testate specializzate e per il quale è stato invitato a suonare all’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Vincenzo Mollica ne ha tessuto le lodi presentandolo al TG1 in DoReCiakGulp, definendolo “Un vero talento ancora da scoprire”, e moltissime radio lo hanno ospitato dal vivo con puntate dedicate (Radio Rai, Radio Capital, Radio Lifegate tra le altre). Finalista al Festival Giorgio Gaber e Musicultura. Ha partecipato a varie trasmissioni su Rai Uno, fra le quali il “Premio internazionale della libertà” con Giovanni Allevi, Eugenio Finardi e i Solis String Quartet. Ha tenuto, per la regione toscana e l’associazione LIBERA di Don Ciotti, un laboratorio creativo di musica e teatro sul tema della legalità dal titolo: “Veloce come la transizione tra il bene e il male: l’identificazione”, imperniando il lavoro sul Film “M” (il mostro di Dusseldorf) di Fritz Lang.
Vincitore del concorso “L’artista che non c’era” nel 2010.
Ha scritto le musiche, che esegue dal vivo durante la rappresentazione teatrale, per lo spettacolo “Squame” di Davide Tassi e «Italiani illustrati» di e con Antonello Caporale (scrittore e giornalista di Repubblica) e Stefano Sarcinelli.
Con Alex Britti ha suonato al Teatro Romano di Ostia Antica e a Villa Ada (Roma incontra il mondo) dove è stato invitato per l’opening act.
Attualmente sta lavorando al prossimo disco e sta per ripartire in tour per l’Italia.

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: